Oggetti d'arte russa Mian
Pittori Russi - Russians Painters
Pittori Russi del '900 iscritti ai Beni Culturali dell'ex URSS
Burak, Aleksander Filippovich 1921-1999 Pittore nato a Sverdlovsk nel 1921 da famiglia di contadini e deceduto a Mosca nel 1999; artista della Repubblica Sovietica Socialista Federale Russa, ottenne la sua formazione alla facoltà di Architettura presso l'Istituto Tecnico di Costruzione Siberico a Nowosibirisk. La tematica del suo la...

Burak, Aleksander Filippovich

1921-1999

Pittore nato a Sverdlovsk nel 1921 da famiglia di contadini e deceduto a Mosca nel 1999; artista della Repubblica Sovietica Socialista Federale Russa, ottenne la sua formazione alla facoltà di Architettura presso l'Istituto Tecnico di Costruzione Siberico a Nowosibirisk. La tematica del suo lavoro è sempre stata decisamente varia: Paesaggi della natura ed industriali, si alternano a bellissimi ritratti espressivi anche se appare specializzato nella comunicazione sociologica della sua pittura rivolta sempre al suo popolo; i suoi soggetti preferiti sono stati i severi scenari dei monti Urali, infatti i migliori lavori, Burak, li ottiene dipingendo le bellissime vallate delle campagne Russe, vallate che ritraeva con soggetti diversi: la bellezza austera dei meravigliosi monti dove si incontra una interessante e ricca verità di vita quotidiana. Il pittore amava fare lunghi e faticosi viaggi alla continua ricerca di nuove impressioni che univa mirabilmente con quanto aveva tratto dai lunghi studi artistici; spesso lo si trovava negli Urali del Nord, e moltissimi suoi capolavori romantici furono creati nelle regioni artiche: "Sogno queste bellissime regioni nordiche e sogno sempre di ritornarci" diceva l'artista che amava la natura come fonte di tutta la sua vita; dai suoi lavori traspare chiaramente quanto egli abbia amato la sua terra e la sua gente. Alexander Burak ottenne la cattedra professionale di insegnamento all'istituto di architettura di Sverdlovsk, dove il nome della scuola si impersonifica con questo grande artista.

Questo grande artista prese parte a numerose mostre nell'Unione Sovietica ed all'Estero; i lavori di A.F. Burak, oggi, sono esposti permanentemente alla galleria di Tretyakov di Mosca, al Museo della rivoluzione di Mosca, nelle gallerie di Chelyabinsk e nei musei d'arte di Nizhny-Tagil, Pern e Krasnodar oltre che nei musei di stato di Rostov, di Irkusk, di Kirgisien, di Kostroma e Pskov; alcuni lavori di questo magnifico pittore li troviamo anche in India, USA, Giappone, Inghilterra,  Olanda, Finlandia, Germania Ovest, Italia, Svezia, Nuova Zelanda, Canada, Belgio, Spagna, Svizzera, Polonia e Grecia.

Avere oggi in casa un quadro, anche piccolo, di questo pittore vuol dire avere un vero tesoro in quanto ogni anno i suoi lavori vengono rivalutati in modo significativo specialmente quelli dell'epoca che va dal 1951 al 1992 caduta del Regime Sovietico. Molti musei oltre a case d'asta e gallerie importanti cercano di reperire sul mercato i quadri di Aleksander Filippovitsch Burak ma ormai con sempre minore successo o a quotazioni molto alte.  

 

Painter born in Sverdlovsk in 1921 into a family of farmers and died in Moscow in 1999; artist of the Russian Federal Soviet Socialist Republic, he obtained his education at the Faculty of Architecture at the Technical Institute of Construction Siberico to Nowosibirisk. The theme of his work has always been very varied landscapes of nature and industrial, alternate with beautiful portraits of expression even if it appears specializing in communication sociological his painting turned increasingly to his people; his favorite subjects were the stringent scenarios of the Ural Mountains, in fact the best works, Burak, you get them by painting the beautiful valleys of the Russian campaign, which portrayed valleys with different subjects: the austere beauty of the wonderful mountains where he meets an interesting and rich truth of daily life. The painter loved to make long and laborious journeys constantly looking for new impressions that united admirably with what he had taken from the long artistic studies; often it was located in the Urals North, and many of his romantic masterpieces were created in the Arctic: "I dream of these beautiful northern regions and always dream of coming back," said the artist who loved nature as the source of all his life; his work is clearly evident as he has loved his land and his people. Alexander Burak obtained the chair professional teaching institute of architecture of Sverdlovsk, where the name of the school he personifies with this great artist.

This great artist took part in numerous exhibitions in the Soviet Union and abroad; jobs A.F. Burak, today, are permanently exposed to the Tretyakov Gallery in Moscow, the Museum of the Revolution in Moscow, in the tunnels of Chelyabinsk and in art museums of Nizhny-Tagil, Pern and Krasnodar as well as in museums in the state of Rostov, of Irkusk , of Kirgisien, Kostroma and Pskov; some works of this great painter we find them also in India, USA, Japan, England, Holland, Finland, Germany, Italy, Sweden, New Zealand, Canada, Belgium, Spain, Switzerland, Poland and Greece.

Having now in the house a framework, however small, of this painter is to have a real treasure in that every year his works are revalued significantly especially those of the time that goes from 1951 to 1992 fall of the Soviet Regime. Many museums in addition to auction houses and galleries important try to find on the market frameworks Aleksander Filippovitsch Burak but now with more and less successful or very high prices.

 

Impressionisti, Post Impressionisti e Real Socialisti
Arte Russa - Russian Art